TURCONI DOTT GIUSEPPE
    • Slide Title

      Write your caption here

      Button
    • Slide Title

      Write your caption here

      Button
    • Slide Title

      Write your caption here

      Button
    0331 544608
    info@dentistadrturconi.com

    chirurgia orale

    chirurgia orale

    La chirurgia orale si rende in molti casi necessaria per la risoluzione di problematiche non risolvibili con altre tecniche d’intervento. Dalle estrazioni dentarie agli interventi di chirurgia orale, dalle operazioni di chirurgia ortognatica all’implantologia, il chirurgo orale interviene ambulatorialmente su elementi dentari, gengive e mucose in anestesia locale (anche con sedazione cosciente). Alla luce delle più moderne tecniche chirurgiche, il Dott. Giuseppe Turconi, specialista in Odontoiatria e Protesi Dentaria, interviene con efficacia per la risoluzione delle più diverse patologie della bocca che necessitino di trattamento chirurgico.

    Tra gli interventi effettuati in studio:

    • estrazione di denti erotti, inclusi, semi inclusi e residui radicolari;
    • apicectomie (asportazione dell’apice di elementi dentari coinvolti in processi fistologici);
    • asportazione di cisti, lipomi, epulidi e odontomi;
    • elevazione del seno mascellare;
    • inserimento nelle ossa mascellari di viti in titanio per impianti;
    • interventi ortognatici per l’allineamento dei denti (generalmente in combinazione con trattamenti ortodontici).

    Intervento di chirurgia orale: preparazione e decorso post operatorio

    Al fine di rendere la chirurgia orale sicura e priva di complicazioni post operatorie, il paziente viene sottoposto a indagini diagnostiche e terapie antibiotiche preventive. L’anestesia locale, per pazienti odontofobi o particolarmente ansiosi, viene somministrata in combinazione a farmaci per la sedazione cosciente, andando in tal modo ad agire sul rilassamento del soggetto pur mantenendolo vigile e collaborativo. Il decorso post operatorio varia a seconda del tipo di intervento e prevede nella maggioranza dei casi l’utilizzo di farmaci antinfiammatori e analgesici.

    Share by: